Sei in: Homepage » Anticontraffazione » Notizie
Anticontraffazione - Di Primio: “Quadro normativo uniforme, polizia locale coinvolta a pieno titolo per tutela legalità”
[27-04-2016]

“Un piano nazionale di lotta alla contraffazione che coinvolga tutti i soggetti che operano sul territorio, ed un quadro normativo uniforme e coordinato di tutte le norme penali esistenti, che dia certezza sia della fase repressiva che delle conseguenze del reato di contraffazione”. Lo ha ribadito Umberto di Primio, vicepresidente Anci con delega alle politiche del Personale e sindaco di Chieti, chiudendo i lavori del convegno “Lotta alla contraffazione per promuovere l’economia, evento di presentazione del Programma Nazionale di Azioni Territoriali Anticontraffazione”, realizzato da Anci con il ministero dello Sviluppo Economico.
Di Primio ha auspicato che la lotta alla contraffazione possa rafforzarsi “trasformando da estemporaneo in sistemico il contributo che gli enti locali hanno fornito in questi anni nell’attuazione del piano nazionale voluto dal Mise”.
Una linea che passa attraverso la discussione ed il confronto con il governo ed il Parlamento sui contenuti del decreto legge sicurezza. “Vogliamo che la polizia locale entri a pieno titolo nel gruppo delle forze dell’ordine, deputate ad operare a tutela della legalità”, ha spiegato il vice presidente Anci riferendosi alle “modifiche dell’art. 54 del Tuel che consentano ai sindaci di avere competenze chiare e coerenti ai compiti loro assegnati”.
Il vice presidente Anci ha in generale richiamato l’attenzione sulla necessità che si sviluppino serie politiche di restrizione verso i Paesi che alimentano il circuito del falso. “L’Italia ogni anno subisce un danno pari al 15% dai prodotti contraffatti, siamo secondi solo agli Stati Uniti a livello mondiale. Ma il danno non è soltanto economico, a pagare il prezzo più caro è il nostro sistema Paese che si vede sottratte intere fette di ricchezza”, ha ricordato il sindaco di Chieti che ha promosso un progetto di informazione dal titolo emblematico: ‘Io compro pulito’. “Dobbiamo alzare la nostra soglia di tolleranza nei confronti anche delle centrali di produzione dei prodotti contraffattati. Ne va della qualità della vita delle nostre comunità e del decoro delle nostre città. E questo aspetto – conclude il vicepresidente Anci – devi vederci assolutamente coinvolti da protagonisti come sindaci”. (gp)



Invia questo articolo ad un amico  
Stampa questo articolo  
Condividi questo articolo su Twitter  
Condividi questo articolo su Facebook  
  • www.anci.it
    Testata giornalistica on line
    dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Direttore responsabile
    Danilo MORIERO
    Caposervizio
    Emiliano FALCONIO
    Caposervizio
    Matteo VALERIO
    Redazione
    Federica DEMARIA
    Filippo LA PORTA
    Giuseppe PELLICANÒ

    Segretaria di Redazione
    Daniela ROTONI
    Web designer e Webmaster
    Francesco BOTTERI
    Editore
    Associazione Nazionale Comuni Italiani
    Via dei Prefetti, 46 - 00186 Roma
    C.F. 80118510587
    redazionesito@anci.it
    Tel. 06/68009204 - Fax 06/68009216

    Iscrizione ROC: n. 17363 del 03.04.2003
    Provider: BT Italia, via Mario Bianchini, 15 - 00142 Roma
    Redazione e contatti
ANCI - Associazione Nazionale Comuni Italiani
Contatti: Tel. 06680091 - Fax 0668009202
Gestione tecnica a cura di Ancitel S.p.A